Categorie

Benutzer Login

Registrieren
   
 

Newsletter Subscription

Strategia digitale: quali sono le sfide della digitalizzazione?

È ormai chiaro che la digitalizzazione nel campo dell’ingegneria meccanica è inarrestabile. Benché nasconda un grande potenziale, essa è anche connessa a molte sfide.

E la sfida principale della digitalizzazione è anche la prima a dover essere affrontata: la tempestività. Le aziende che finora hanno esitato dovrebbero agire subito. Dopo tutto, la digitalizzazione è un processo graduale. e un cambiamento di questo tipo non può essere eseguito dall’oggi al domani, ma richiede diversi anni. Di conseguenza, è difficile recuperare il tempo perduto. Le aziende prive di una strategia digitale dovrebbero raccogliere la sfida e iniziare immediatamente a elaborarne una, in modo da non perdere quest’occasione. Tuttavia, tale necessità non deve essere l’unica ragione a spingere verso la trasformazione digitale. Le aziende dovrebbero essere consapevoli del valore aggiunto e delle nuove opportunità offerte dalla digitalizzazione.

Attuare la strategia digitale: dai dirigenti al singolo collaboratore

Prima del cambiamento concreto dell’azienda occorre operare una distinzione. Da un lato, la digitalizzazione può essere sinonimo di un aumento dell’efficienza operativa: le infrastrutture, le tecnologie e gli strumenti digitali servono ad ottimizzare i processi interni, mentre il modello di business di base rimane inalterato. Dall’altro, la digitalizzazione può essere intesa come un adattamento sistematico del modello di business. Nel caso dell’ingegneria meccanica, ad esempio, sarebbe ipotizzabile un mercato dei dati di progettazione. Pertanto, prima di elaborare una strategia digitale è necessario determinare quale sia il significato della digitalizzazione per la propria azienda.

La digitalizzazione deve essere promossa dai dirigenti coinvolgendo l’intera forza lavoro.

Ne consegue che la digitalizzazione dovrebbe essere intesa come una strategia a livello aziendale e portata avanti a livello di management. Può essere utile nominare o assumere un CDO (Chief Digital Officer), un dirigente responsabile dello sviluppo e dell’implementazione della strategia digitale. L’assunzione di un dirigente esperto in ambito digitale è imprescindibile, ma anche il resto della forza lavoro deve essere coinvolto: in vista della digitalizzazione, le abilità in materia di cambiamento, le competenze sociali e le conoscenze informatiche stanno acquisendo un’importanza sempre maggiore, ponendo le aziende di fronte alla sfida di formare e istruire adeguatamente i propri collaboratori. Pertanto, una forte cultura della formazione è essenziale per il successo del processo di digitalizzazione e lo sviluppo di nuovi modelli di business digitali.

Le tante sfide di una strategia digitale

Di fronte alle sfide tecniche di una strategia digitale, aspetti quali l’innovazione e la creatività possono facilmente passare in secondo piano. Malgrado ciò, è fondamentale promuovere il potenziale dei collaboratori creativi. A tale scopo è possibile adottare diverse misure strutturali, come i laboratori di innovazione interni. Questi offrono a speciali collaboratori selezionati tutto lo spazio e la libertà mentale per trovare soluzioni originali. È proprio da piccole idee che all’inizio possono sembrare assurde che in seguito possono nascere grandi cose, come dimostra il successo di numerose start-up. Inoltre, è utile che le aziende prendano in considerazione la creazione di un proprio reparto per lo sviluppo futuro.

La mancanza di una rete a banda larga sta ancora ostacolando la digitalizzazione nel settore dell’ingegneria meccanica.

L’infrastruttura tecnica e le attrezzature devono sempre essere adeguate alle competenze dei collaboratori. Tuttavia, secondo il “Rapporto di monitoraggio sull’economia DIGITAL 2018″ del Ministero federale tedesco dell’economia e dell’energia, sebbene offrano vantaggi considerevoli, le infrastrutture digitali sono utilizzate da tutti i collaboratori solo nel 41% delle imprese meccaniche. Ad esempio, le postazioni di lavoro flessibili, a cui ogni collaboratore può accedere con il proprio account, promuovono la produttività. Secondo il “Profilo della digitalizzazione: ingegneria meccanica 2018”, il maggiore ostacolo alla digitalizzazione nell’ingegneria meccanica è la mancanza di una rete a banda larga: il 68% delle aziende condivide questa visione, il che significa che l’ingegneria meccanica è ben al di sopra della media dell’intero settore commerciale (43%). Per il 46% delle aziende anche il dispendio in termini di tempo è percepito come troppo elevato, mentre il 41% indica come ostacolo principale l’insufficiente sicurezza IT.

Le sfide dei Big Data

Nelle aziende, la quantità di dati relativi ai clienti è in costante aumento anche grazie alla digitalizzazione. Questa ingente raccolta di dati, in parte non strutturata, è generalmente denominata “Big Data”. Il potenziale che si nasconde in tali volumi di dati è grande, ma la maggior parte delle aziende ne analizza solo una piccola parte. I Big Data pongono le aziende di fronte a due chiare sfide: da un lato dovrebbe essere elaborata una strategia per strutturare e analizzare i dati raccolti. Perché chi non sfrutta la possibilità di analizzare in modo remunerativo i dati raccolti o la sfrutta solo in minima misura, nel lungo periodo accumulerà un notevole svantaggio competitivo.

In molte aziende, nell’analisi dei dati si nasconde un enorme potenziale inutilizzato.

La seconda sfida posta dai Big Data riguarda la protezione dei dati. I dati raccolti non possono essere memorizzati a tempo indeterminato. Inoltre, prima di svolgere un’analisi automatica, le aziende necessitano dell’esplicito consenso della persona i cui dati devono essere raccolti e analizzati. Idealmente, tutti i riferimenti personali devono essere rimossi dai dati raccolti a scopo di analisi già prima della memorizzazione. Questo garantisce il rispetto delle disposizioni del Regolamento generale sulla protezione dei dati e la riduzione al minimo dei rischi legali, ad esempio in caso di perdita dei dati. I Big Data celano quindi un grande potenziale, ma possono essere utilizzati in modo sicuro solo se in possesso delle necessarie competenze e con una pianificazione accurata.