Newsletter Subscription

Alt-Texte: Mensch-Roboter-Kollaboration: Vorteile von Cobots in der Industrie

Collaborazione uomo-robot: i vantaggi dei cobot nell’industria

I robot nella produzione industriale possono aiutare i dipendenti umani, alleggerire il loro carico di lavoro e indirettamente anche proteggerli. Diamo un’occhiata a questi e altri vantaggi della collaborazione tra uomo e robot.

Anche se è quasi impossibile immaginare la nostra vita quotidiana senza attrezzature tecniche, gli esseri umani e le macchine sono ancora spesso visti come rivali. Tuttavia, questa mentalità “o/o” non considera il prezioso terzo modo di collaborazione che sta diventando sempre più importante in questi giorni di digitalizzazione e Industria 4.0. Stiamo parlando di collaborazione uomo-robot. Un esame più attento rivela l’enorme potenziale di questo semplice approccio. Combina l’esperienza, il giudizio e la flessibilità degli esseri umani con la forza, la resistenza e la precisione dei robot, togliendo la tensione ai dipendenti e aumentando l’efficienza produttiva. Una caratteristica particolare della collaborazione uomo-robot è il fatto che non esiste una barriera di sicurezza che separa i due mentre lavorano. Al contrario, occupano la stessa area di lavoro ed elaborano gli stessi componenti. Il tutto è generalmente implementato utilizzando speciali robot leggeri noti come robot collaborativi, o semplicemente cobot.

Collaborazione tra uomo e robot per l’assemblaggio

Un sistema di assemblaggio collaborativo robotizzato utilizzato da item può essere gestito senza particolari conoscenze e implementato utilizzando le strutture esistenti. Scopri maggiori dettagli sui vantaggi di questi sistemi, su come implementarli e sulla risposta dei membri del personale.
ALLA TESTIMONIANZA

I vantaggi dei cobot: meno monotonia, meno errori e più affidabilità

A differenza dei robot industriali, che sono generalmente progettati per compiti specifici, i cobot sono più versatili. La loro forma e le loro funzioni ricordano un braccio umano. Lo spazio relativamente piccolo di cui hanno bisogno e la loro versatilità sono i principali punti forza dei cobot. Sono in grado di svolgere un gran numero di diverse attività. In primo luogo, i compiti monotoni e ripetitivi che a lungo termine hanno portato i membri del personale umano a stancarsi rapidamente, portando ad alti tassi di errore. I cobot in questo caso sono un valido aiuto, come mostra un esempio da Miami. La Creating Revolutions doveva far fronte ad un tasso di errore a due cifre nella produzione di un dispositivo speciale per il settore alberghiero e dell’ospitalità. Dopo aver trasferito un piccolo numero di passaggi, quelli che richiedevano altissima precisione, ai cobot, il tasso di errore è crollato a meno dell’uno per cento. Un altro vantaggio dei cobot è che, se necessario, possono fornire grandi volumi di dati da utilizzare nella manutenzione predittiva e in altre applicazioni Big Data.

Nella collaborazione uomo-robot, la sicurezza del personale umano è molto importante.

Quando gli esseri umani e i robot lavorano in prossimità l’uno dell’altro, sono necessarie misure e precauzioni speciali per garantire la sicurezza dei membri del personale. DIN ISO/TS 15066 definisce i requisiti di sicurezza pertinenti per i sistemi robotizzati industriali collaborativi e gli ambienti di lavoro. Tra le altre cose, questo definisce i limiti per la massima quantità di forza che un robot può sopportare a contatto con un essere umano. Tali forze devono pertanto essere limitate da un livello di sicurezza. Per soddisfare questi requisiti, i cobot hanno bisogno di sensori adatti che utilizzino la tecnologia ultrasonica e radar, ad esempio, per rilevare persone e ostacoli nel loro ambiente. Alcuni cobot sono anche dotati di una superficie sensibile al tocco che permette loro di “sentire” il contatto con le persone e cessare immediatamente qualsiasi movimento che possa essere in corso. Quando si tratta di collaborazione uomo-robot, la sicurezza del personale umano ha la massima priorità.

Collaborazione uomo-robot per una maggiore ergonomia

Tuttavia, quando si tratta di collaborazione uomo-robot, non solo si salvaguarda il benessere fisico del personale garantendo che i lavoratori non vengano feriti dai loro colleghi robot. I cobot, infatti, spesso sostituiscono gli esseri umani per i lavori non ergonomici. Nella filiale di Dingolfing del Gruppo BMW, ad esempio, i cobot aiutano a installare i finestrini laterali nelle auto. Prima che i finestrini siano montati sulla carrozzeria, deve essere applicato un adesivo tramite un particolare processo. In passato questo veniva fatto a mano da un lavoratore che camminava attorno al finestrino. Ora, invece, un cobot si occupa di questo difficile compito non ergonomico, con il personale umano che installa i finestrini in seguito.

Un altro vantaggio dei cobot è che possono sollevare carichi pesanti senza sforzo.

I cobot inoltre hanno la capacità di svolgere le attività che coinvolgono posture errate che sono faticose o dannose a lungo termine. La collaborazione uomo-robot ha un ruolo importante anche quando si tratta di sollevare carichi pesanti. Cobot come l’Universal Robots UR16e sono in grado di sollevare carichi fino a 16 kg. Per intenderci, un cerchio in acciaio da 16 pollici per una ruota dell’auto (senza lo pneumatico) pesa circa 8,5 kg. Se un robot può sollevare questo tipo di carico al posto dei lavoratori umani, non ci sono solo benefici fisici, ma essi possono prepararsi a elaborare il componente successivo, ad esempio, mentre il cobot sposta il precedente di lato. Quindi gli esseri umani e i robot non hanno bisogno di essere rivali ma combinano i loro punti di forza per ottimizzare la creazione di valore.