Newsletter Subscription

Realtà virtuale nell’industria: pianificazione della produzione con Halocline

Sebbene la realtà virtuale (VR) sia ora una parte ampiamente consolidata del settore, ci sono voluti soluzioni come il virtual cardboard engineering per mostrare i vantaggi immediati della tecnologia. 

Thomas Schüler, fondatore e uno degli amministratori delegati della società di software Halocline, con sede a Osnabrück, sta cercando di rivoluzionare il modo in cui vengono vissuti questi vantaggi. Con il suo team di 37 dipendenti, ha sviluppato una soluzione software VR – chiamata anche Halocline, che si rivolge direttamente ai pianificatori di produzione e assemblaggio: “Halocline offre agli utenti una fabbrica virtuale in cui possono entrare utilizzando occhiali VR convenzionali. La particolarità di questa fabbrica virtuale è che tutte le aree di lavoro possono essere modificate in qualsiasi momento con strumenti di pianificazione facili da usare. Abbiamo sviluppato un editor per la realtà virtuale, che consente agli utenti stessi di creare oggetti come scaffali, tavoli e banchi da lavoro nel mondo virtuale. Halocline consente anche di trasformare in realtà i file di progettazione di altri programmi e l’item Engineeringtool ha un ruolo fondamentale.

La digitalizzazione è un must

Dalla formazione e dai processi interni ai modelli di business, non si può fermare la rivoluzione digitale nell’ingegneria meccanica. Scopri tutte le informazioni grazie al nostro whitepaper.
DOWNLOAD

Cardboard engineering portato a un livello completamente nuovo

Il software Halocline è costituito da tre diverse aree di prodotto che si concentrano esplicitamente sul processo di lavoro del pianificatore di produzione: “Assemblaggio”, “Layout” e “Prestazioni”. Tutti i moduli sono intuitivi da usare: “La maggior parte dei pianificatori di produzione che abbiamo incontrato non lavora quotidianamente con il software CAD. Prima di tutto, vorremmo dare loro la possibilità di creare facilmente dati 3D e provare i flussi di lavoro in uno spazio tridimensionale”, spiega Schüler. Il modulo Assemblaggio mostra i dati di prodotto importati. Ciò consente di analizzare un prodotto pianificato fedele alla scala, ideale per i pianificatori di produzione, in collaborazione con i progettisti, per decidere la sequenza in cui il prodotto deve essere assemblato in seguito. È possibile eseguire due passaggi con l’area del prodotto Layout. La prima cosa da menzionare in questa sede è la pianificazione approssimativa iniziale per i banchi da lavoro di assemblaggio e le attrezzature di fabbrica. Questo passaggio può essere visto come una sorta di virtual cardboard engineering.

I benefici del virtual cardboard engineering

È noto che il tradizionale cardboard engineering proveniente dall’ambiente di lean production utilizza modelli cardboard per test pratici di varie opzioni di progettazione, in particolare per quanto riguarda l’ergonomia. Tuttavia, gli svantaggi del cardboard engineering convenzionale sono la quantità di tempo necessaria, nonostante tutto, e lo spazio richiesto, poiché i modelli sono in un formato 1:1 e non possono essere ulteriormente modificati. Quando si tratta di costruzione in un ambiente virtuale, la tecnologia Halocline ha chiaramente il sopravvento ed è un perfetto esempio di realtà virtuale nell’industria. Anche la costruzione simulata di un’intera area produttiva richiede solo 4 metri quadrati nel mondo reale per effettuare movimenti appropriati. I box tridimensionali utilizzati come sostituti ai cardboard sono facili da produrre e posizionare nell’ambiente della realtà virtuale, anche per i nuovi arrivati.

I box tridimensionali che vengono utilizzati come sostituti ai cardboard sono facili da produrre e posizionare nell’ambiente della realtà virtuale, anche per i nuovi arrivati.

I legami tra Halocline e item mostrano i punti di forza della partnership. Il design digitale dettagliato nell’item Engineeringtool può essere supportato virtualmente all’interno di un piccolo spazio in Halocline. Se il risultato di questa pianificazione virtuale viene quindi implementato con il Sistema di tubolari profilati D30 item, gli utenti possono beneficiare della guida completa all’assemblaggio dell’item Engineeringtool e apportare facilmente modifiche al prodotto finale in loco utilizzando gli elementi di fissaggio modulari. La combinazione di Halocline e item offre vantaggi significativi in termini di efficienza, tempo e costi.

Dopo che i flussi di lavoro sono stati testati sulle workstation virtuali, possono essere analizzati in dettaglio nelle registrazioni.

Halocline e l’item Engineeringtool: forte partnership per la realtà virtuale nell’industria

La pianificazione dettagliata nel modulo Layout utilizza non solo box più piccoli, ma anche elementi più tangibili come scaffali e banchi da lavoro. Questi possono essere creati dagli utenti stessi o importati in Halocline sotto forma di dati 3D. Sebbene il collegamento automatico tra l’item Engineeringtool e Halocline sia ancora in corso, gli utenti che utilizzano entrambi i programmi possono già beneficiarne in modo significativo. Ciò significa che un progetto dello strumento di progettazione di item, ad esempio uno scaffale di alimentazione dei materiali, può essere importato come file STEP in Halocline, dove può essere sperimentato nella realtà virtuale. Di conseguenza, sono possibili nuove intuizioni: gli utenti possono ora, in un certo senso, toccare la costruzione che hanno appena progettato. Nell’area Performance, il lavoro con lo scaffale di alimentazione del materiale progettato viene testato in modo interattivo, producendo efficacemente un test pratico virtuale. Queste esecuzioni di test possono essere registrate, con i movimenti rappresentati tramite modelli 3D degli utenti stessi.

In futuro, sarà possibile trasferire automaticamente i progetti dall’item Engineeringtool ad Halocline e viceversa. Si prevede inoltre di fornire un catalogo di applicazioni item in Halocline.

“Posso mettere lo scaffale item che vorrei nella fabbrica virtuale di Halocline e aggiungere supporti di carico e altro materiale. E posso controllare l’ergonomia dell’intero flusso di lavoro”, afferma Schüler. Durante la simulazione di un flusso di lavoro, se gli utenti notano che le misurazioni necessitano di ulteriori regolazioni, possono apportare modifiche personalizzate alla progettazione nell’editor del modulo Layout. Possono quindi inviare queste rettifiche all’item Engineeringtool, dove possono inviare facilmente il loro ordine. La documentazione completa della struttura per la progettazione può anche essere creata con un semplice clic. Questi trasferimenti di dati saranno resi ancora più semplici in futuro grazie a una funzione facile da usare. Si prevede inoltre di fornire un catalogo di applicazioni item in Halocline. Concentrandosi sull’ergonomia e sugli strumenti online facili da usare che offrono ai dipendenti un alto livello di libertà di progettazione per creare la fabbrica del futuro, Halocline e item offrono vantaggi chiave in termini di velocità ed efficienza. Non vediamo l’ora di continuare il nostro lavoro insieme!

Sei interessato alla digitalizzazione e a cosa ci riserva il futuro dell’ingegneria meccanica? Allora abbiamo quello che fa per te! Iscriviti al blog item cliccando la casella in alto a destra.