Newsletter Subscription

Comunicazione uomo-macchina ottimizzato in officina

Il lavoro quotidiano sta cambiando a causa della crescente automazione.

In molti casi, i membri del personale possono essere responsabili di più aree e macchine contemporaneamente. Tuttavia, quando si tratta degli aspetti pratici di questi accordi, la comunicazione uomo-macchina (HMC) non si è sviluppata in modo uniforme in tutti i settori. Basarsi esclusivamente su spie luminose o monitor fissi non soddisferà i requisiti di velocità e flessibilità delle operazioni di produzione odierne. In effetti, ciò comporterà tempi di fermo macchina e una maggiore necessità di coordinamento. Ansiosi di affrontare proprio questi problemi, Michael Reutter e Benjamin Schaich hanno fondato la loro start-up aucobo nel 2016. Il loro programma software, compatibile con tutte le piattaforme, migliora sia la comunicazione tra umani e macchinari sia il coordinamento tra il personale. Grazie al suo concetto di Industria 4.0, la nascente azienda è già riuscita a conquistare grandi nomi come Audi e Continental.

Semplificare la comunicazione in molti modi

Le soluzioni HMC di aucobo sono orientate all’analisi dei dati macchina e successivamente alla loro distribuzione tra la forza lavoro. “Nella nostra azienda,” distribuire “non significa semplicemente distribuire lavoro alle persone. Invece, i dipendenti decidono tra loro chi dovrebbe occuparsi di un determinato compito “, spiega Reutter. Le soluzioni dell’azienda assicurano inoltre che i risultati possano essere facilmente registrati. Le interfacce responsabili dell’interazione tra uomo e macchinari e all’interno della stessa forza lavoro sono dispositivi indossabili intelligenti appositamente progettati per l’uso industriale. Sebbene il software di aucobo sia compatibile con qualsiasi piattaforma, gli smartwatch sono un’opzione particolarmente ideale per chi lavora direttamente a livello di officina.

Che si tratti di uno smartwatch, uno smartphone o un tablet, è fondamentale scegliere sempre il dispositivo più adatto all’utente e allo scenario applicativo previsti.

Ad esempio, considerare la normale giornata lavorativa di un tecnico della manutenzione o di un operatore della macchina. Entrambi hanno bisogno delle mani libere per svolgere i numerosi compiti che normalmente incontrano. Se il software HMC di aucobo fosse disponibile solo su uno smartphone, molte notifiche passerebbero inosservate. Fornire la soluzione come dispositivo indossabile, tuttavia, garantisce che il personale possa concentrarsi sul proprio lavoro indisturbato e ricevere comunque notifiche discrete dalla relativa macchina. “Immagina che gli operatori delle macchine debbano estrarre i loro smartphone ogni volta che ricevono una notifica. Non ci vorrebbe molto a perdere la pazienza “, sottolinea Reutter. I logistici, al contrario, sono abituati a schermi più grandi e di solito scanner molto veloci, quindi un’opzione praticabile sarebbero dispositivi intelligenti appositamente progettati dotati di uno scanner laser e un display più grande. Che si tratti di uno smartwatch, uno smartphone o un tablet, è fondamentale scegliere sempre il dispositivo più adatto all’utente e allo scenario applicativo previsti. Dopotutto, il personale continuerà a utilizzare una soluzione solo se ritiene che offra un valore aggiunto e non interferisca con il proprio lavoro.

Come la comunicazione uomo-macchina (HMC) sta diventando più facile che mai 

Il nucleo di aucobo funge da “cervello” del sistema a tre livelli sviluppato da aucobo. L’editor del flusso di lavoro svolge un ruolo particolarmente importante, consentendo agli utenti di rispondere ai processi modificati sviluppando facilmente e in modo flessibile le proprie app tramite il trascinamento della selezione. Nemmeno i dipendenti a livello di officina sono stati dimenticati. “Immaginiamo che un dipendente abbia avuto un’idea per un miglioramento. Possono implementarlo rapidamente nel sistema stesso, senza dover fare affidamento sul reparto IT “, afferma Reutter. In effetti, aucobo non si concentra esclusivamente sul miglioramento della comunicazione uomo-macchina. Come accennato in precedenza, l’ottimizzazione dei processi di coordinamento all’interno dei team è altrettanto importante. Ad esempio, basta una rapida scansione di un codice QR per adattare i ruoli del personale che sono stati salvati nel sistema, il che incoraggia i dipendenti a continuare a organizzare il proprio carico di lavoro tra di loro.

Il personale viene informato dei propri compiti dal software sui propri dispositivi mobili, con aucobo mobile in grado di adattarsi automaticamente all’hardware pertinente grazie al suo framework flessibile.

L’aucobo connector, nel frattempo, assicura che il nucleo aucobo si colleghi perfettamente ai sistemi e ai macchinari esistenti. Tutti i segnali in arrivo vengono convertiti in un linguaggio specifico di aucobo e passati al nucleo di aucobo, dove i dati vengono analizzati e le attività pertinenti vengono successivamente distribuite tra il personale in base a fattori quali disponibilità e competenze. Il personale viene informato dei propri compiti dal software sui propri dispositivi mobili, con aucobo mobile in grado di adattarsi automaticamente all’hardware pertinente grazie al suo framework flessibile. La soluzione garantisce inoltre che le notifiche non vadano perse. Se la connessione si interrompe, le relative notifiche verranno inviate non appena sarà eseguito il backup. Una funzione aggiuntiva assicura che le notifiche vengano passate a qualcun altro se il destinatario inizialmente previsto non è disponibile.

La visualizzazione delle informazioni sugli smartwatch garantisce che il personale non venga limitato nel proprio lavoro e che non vengano perse importanti notifiche.

App speciale COVID-19 per una produzione sicura

Una conseguenza diretta della pandemia di COVID-19 è stata l’interruzione della produzione su larga scala in tutto il settore. Proprio come in altre aree dell’economia, le menti creative sono rapidamente riuscite a trovare soluzioni efficaci. Un esempio perfetto è la speciale app COVID-19 di aucobo. “I nostri clienti erano naturalmente tra quelli colpiti. A parte il problema dell’infezione, si sono anche chiesti come poter interrompere la comunicazione, nonostante il fatto che il personale che lavora su turni diversi debba essere tenuto separato ”, afferma Reutter, commentando le domande dettagliate che ha ricevuto. La società era quindi desiderosa di offrire ai propri clienti un supporto rapido sotto forma di una soluzione personalizzata che si concentra più sul dialogo tra i singoli dipendenti che sulla comunicazione tra uomo e macchinari.

Le informazioni personali sono rese anonime dall’app COVID-19 per proteggere la privacy del personale in ogni momento.

L’app COVID-19 tiene conto degli aspetti chiave della protezione dalle infezioni in ambienti industriali. Infatti, al lavoro può essere facile dimenticare la distanza minima consigliata di 1,5 metri. Gli utenti che si avvicinano l’uno all’altro, ricevono un messaggio di avviso. Se qualcuno viene infettato, un “diario di contatto” assicura che l’azienda possa rintracciare con chi la persona infetta è stata in contatto. Le informazioni personali sono rese anonime per proteggere la privacy del personale in ogni momento. Ultimo ma non meno importante, una funzione fotografica per una documentazione semplice e un’opzione walkie-talkie per gli smartwatch offrono soluzioni ideali per affrontare le difficoltà di comunicazione risultanti dai mutati schemi di spostamento.